RICORDIAMO AI NOSTRI CLIENTI CHE TUTTI I CENTRI SARANNO CHIUSI NEI GIORNI 26 E 27 APRILE

Le 5 Auto Più Vendute in Italia nel 2023: scopriamole insieme!

Il mercato delle auto in Italia ha concluso il 2023 con una crescita del 19% (rispetto a 2022), registrando un totale di 1.566.448 auto nuove immatricolate rispetto alle 1.316.773 del 2022.

Nonostante questa notevole crescita, il settore rimane ancora indietro di oltre 350.000 vetture (-18,3%) rispetto al 2019. Tuttavia, i segnali positivi, come l’incremento del 5,9% registrato a dicembre con 111.136 nuove targhe, suggeriscono prospettive promettenti per il settore nei prossimi mesi.

Scopriamo insieme le 5 auto più vendute nel 2023:

1.FIAT PANDA

2. DACIA SANDERO

3. LANCIA Y

4. TOYOTA YARIS

5. FIAT 500

  1. Fiat Panda – 102.635 Unità

La regina incontrastata delle vendite automobilistiche in Italia con un impressionante numero di 102.625 unità. La piccola utilitaria torinese si è mantenuta al vertice della classifica per l’intero anno grazie alla sua estrema versatilità. Nascondendo un abitacolo spazioso per 4 persone dietro una carrozzeria di 3,69 metri, la Panda offre anche un bagagliaio con capacità da 225 a 870 litri. La gamma comprende diverse versioni, inclusa una con meccanica 4X4, e un allestimento Cross da urban SUV. Le opzioni di motorizzazione spaziano da unità bifuel benzina/Gpl a mild hybrid, con un range di potenza da 69 a 85 CV.

2. Dacia Sandero – 48.398 Unità

La seconda auto più venduta in Italia nel 2023 è stata la Dacia Sandero, che ha totalizzato 48.398 unità immatricolate. La best seller del marchio di Renault ha beneficiato di un elevato rapporto qualità/prezzo, con un listino a partire da 11.500 euro, offrendo contenuti tipicamente associati a categorie superiori. Disponibile in due versioni di carrozzeria, berlina Streetway e crossover Stepway, la Sandero propone diversi motori benzina e bifuel benzina/Gpl fino a 110 CV. Le versioni più ricche offrono equipaggiamenti tech all’avanguardia, compreso un sistema di infotainment con schermo da 8″, compatibile con Android Auto e Apple CarPlay.

3. Lancia Ypsilon – 44.891 Unità

Nonostante l’arrivo imminente della nuova generazione, la Lancia Ypsilon ha continuato la sua corsa vincente nel 2023, registrando un totale di 44.891 unità vendute e conquistando il terzo posto nella classifica delle auto più vendute in Italia. Apprezzata soprattutto dal pubblico femminile per il suo stile chic e glamour, la berlina torinese offre dotazioni esclusive per facilitare l’uso in città, come il controllo dello sterzo nelle manovre e la telecamera di parcheggio. Disponibile con motorizzazioni mild hybrid e bifuel benzina/Gpl da 70 e 69 CV, la Ypsilon è proposta in 14 allestimenti con un listino che parte da 15.600 euro.

4. Toyota Yaris– 34.981 Unità

La quarta posizione nella classifica delle auto più vendute in Italia nel 2023 è occupata dalla Toyota Yaris Cross, con un totale di 34.981 immatricolazioni nell’anno. La Yaris ha conquistato il pubblico grazie al suo design da crossover e alla tecnologia ibrida. Con lo stesso sistema full hybrid da 116 CV della Yaris berlina, la Yaris Cross è disponibile in varianti a trazione anteriore o integrale. Secondo i dati del costruttore, la vettura consuma 4,4 litri ogni 100 km nel ciclo misto e può percorrere tratti di strada a zero emissioni. Il listino parte da 28.050 euro.

5. Fiat 500 – 32.981 Unità

Con 32.981 unità vendute, la Fiat 500 si posiziona al quinto posto nella top ten delle auto più vendute in Italia. Popolare soprattutto tra il pubblico più giovane per il suo carattere esclusivo e modaiolo, evidenziato dalle inconfondibili linee tondeggianti della carrozzeria, la 500 utilizza diverse tipologie di motorizzazioni per una potenza fino a 70 CV. Tra queste, un motore 3 cilindri 1.0 mild hybrid, che offre consumi estremamente ridotti (4,6 l/100km dichiarati nel ciclo misto) e prestazioni brillanti con una velocità massima di 167 km/h. La gamma prevede diverse versioni con un listino che parte da 18.000 euro.

Fonti: repubblica.it

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Se l'articolo ti è piaciuto condividilo!

Altro dal blog